Corrado Rojac,
fisarmonica

 


La scoperta della prima fisarmonica italiana (1840)

 

 

La rinascenza della 
fisarmonica

 


La fisarmonica all'  
Accademia Chigiana

 


La nuova musica per fisarmonica della "Chigiana"
 

 

Prime esecuzioni

 

 

Corrado Rojac, composizione

 

 

Le composizioni
di Corrado Rojac

 

 

Corsi

 

 

Discografia

 

 

Link

 

 

Interviste e recensioni

 

 

Contatti

 

 

Homepage

 
»   la fisarmonica all'Accademia Chigiana di Siena
 

Nel 2003 la fisarmonica figura tra i corsi estivi dell’ Accademia Chigiana, momento storico nel panorama degli eventi legati all’affermazione della fisarmonica da concerto. Viene invitato a tenere un seminario Teodoro Anzellotti, fisarmonicista di spicco nel panorama attuale, a cui hanno dedicato importanti pagine Luciano Berio, Salvatore Sciarrino, Aldo Clementi, solo per citare i nomi più noti. Ma la fisarmonica viene anche inserita nel Laboratorio di musica contemporanea, cioè nell’ ensemble strumentale destinato ad eseguire i brani scritti dagli allievi del corso di Composizione tenuto da Azio Corghi. Il fisarmonicista del gruppo sono io.

Infatti, quando il Maestro Corghi mi ha chiesto di collaborare al gruppo in qualità di fisarmonicista, ho accettato con gioia. Ho avuto così la fortuna di suonare accanto a strumentisti di chiara fama, quali il clarinettista Marco Ortolani, il violinista Duccio Ceccanti, il violoncellista Vittorio Ceccanti e il percussionista Maurizio Ben Omar; ad essi aggiungo anche il regista del suono nonché operatore live electronics Francesco Scagliola. Ma ho anche avuto la fortuna di veder nascere alcune ottime nuove composizioni per fisarmonica, e collaborare alla loro stesura. E’ appunto a queste che facevo riferimento poc’anzi: mi sembra doveroso darne una breve descrizione, poiché esse rappresentano un’ulteriore, importantissima tappa nella suddetta rinascenza del nostro strumento.